ABOUT TIZIANA SERRETTA

Un percorso caratterizzato dai magnifici palazzi in Sicilia, al suo ancestrale appartamento futuristico simile a una grotta a Milano, la squisita diversità del paesaggio keniota a un ufficio levitante su Panama City, il tutto che porta alle radici di un albero del desiderio a New York City.

“Era il destino”, dice Tiziana Serretta: “Un tango raro, un accoppiamento spontaneo tra ciò che sta accadendo e chi sei, nel momento in continua evoluzione”.

Curatrice di musei e gallerie, collezionista d’ arte, moda ed esperienze, Tiziana, come personalità rinascimentale moderna, rivela creazioni di sostanza distintiva, a partire dalla sua esperienza di vita. Il 10 settembre 2015, desiderosa di condividere la sua ricerca di belle arti e moda, lancia il TS World a New York, convocando artisti e invitati selezionati da tutto il mondo per sperimentare una sorprendente interazione creativa di concetto, espressione e stile.

“L’arte e la moda sono uno stile di vita. È parte integrante della vita di tutti i giorni, e certamente non distaccato da noi”, afferma.

GLI INIZI

Nata e cresciuta a Palermo da una famiglia influente, Tiziana divenne ben presto a conoscenza della storia, dell’arte e dell’architettura della città. In tenera età incontrò Fulco di Verdura, un affascinante designer di gioielli e amico di Coco Chanel e di sua nonna, che impressionò Tiziana con il suo spirito libero e non convenzionale.
Le sue radici culturali ed estetiche hanno scatenato la sua passione per i gioielli d’arte, una passione che ha iniziato a realizzare all’età di 20 anni, quando ha iniziato a creare la sua collezione vintage più impressionante, tra cui pezzi di Picasso, Dalí e Cocteau.

INFLUENZE

Tiziana Serreta ha conseguito una laurea in giurisprudenza presso l’Università di Palermo, dove è stata professoressa per otto anni. Cosa possono avere in comune la giurisprudenza con TS World? “Il mio amore per condividere e trasmettere la conoscenza”, dice.

Ricorda vividamente il momento in cui ha deciso di smettere di insegnare e aprire la Tiziana Serretta Fiorentino Gallery nel 1992: “Il mio professore voleva uccidermi, ma essendo molto simile a mia madre, ho dovuto correre il rischio”.
Sua madre, uno spirito intellettuale libero che parla solo greco e latino, è stata un’ispirazione incessante per Serretta, esortandola a seguire sempre il suo cuore ed evolvere la sua mente.

Con il suo carattere carismatico, il suo senso idiosincratico di bellezza e stile e una vasta esperienza nei regni dell’arte, della moda e del design, Tiziana Serretta porta una nuova luce guida nel mondo dell’arte. Ha lavorato come educatrice, curatrice di musei e gallerie, nonché consulente per vari media di moda e arti in Italia. Allo stesso tempo, Serretta ha contribuito allo sviluppo di importanti collezioni di stilisti.

Ha lavorato come direttrice e curatrice della sua galleria a Palermo fino al 2006, promuovendo le relazioni con artisti e designer. Nel 2005 si è trasferita a Londra, dove è stata direttrice e curatrice di una galleria dedicata alla icona della moda Diana Vreeland.
Serretta ha lavorato con case editrici di spicco per i suoi tre libri sul suo argomento preferito: gli innovatori e la cultura vintage.
“Raccogliere è come una febbre; gioielli, oggetti, mobili”, dice.
Armata di una predisposizione per un gusto raffinato mescolato a un’audacia sofisticata, ora possiede una collezione di pezzi unici con uno spirito moderno e senza tempo.
Gioielli d’arte degli anni ’60 e ’70, abiti vintage creati dagli anni ’60 agli anni ’80, borse rare, artigianato e monoliti futuristici sono solo alcuni degli oggetti che considera i suoi “figli”.

ESPERIENZE

Serretta lavora in tutto il mondo, dove prende anche la sua ispirazione. “Non c’è mai una risposta e la risposta cambia sempre”. Ha vissuto in Kenya per 20 anni e ha viaggiato molto in Asia. È conosciuta per molti concetti travolgenti ed è in una sfida costante con se stessa.
“L’unico modo per capire chi sei veramente e sbloccare il tuo pieno potenziale è affrontare quante più sfide possibili”, dice.

L’ultima impresa di Serretta è stata lanciata nel 2013. È un’azienda con sede a Panama, che mira a diffondere la cultura dell’America Latina in tutto il mondo, attraverso eventi unici e partnership con artisti e designer internazionali emergenti, in collaborazione con istituzioni culturali e musei.
“Sono stata invitata al Cine Panama”, dice. “Ho sentito l’energia della città. Cresce ogni giorno come il muschio. “Ho sentito che questo è “”il posto””.
La gente di Panama vive ogni giorno come se fosse il loro ultimo giorno”.

“La città di Panama è lì. Non ti chiede di piacere. Ti piace o no. Allo stesso modo, non faccio nulla perché piaccia alle persone.” Tiziana ama gli artisti latinoamericani. “Sono naturali. Hanno una grande energia. Sono così talentuosi e non fanno nulla per realizzarlo.”
Serretta è innamorata della cultura non contaminata dei Kuna indigeni della Colombia e dell’arcipelago di San Blas a Panama.
Lavora con artisti e artigiani Kuna su diversi progetti, fondendo l’arte locale e la loro conoscenza ancestrale della vita e del cosmo con la raffinatezza europea.

COME HA ISPIRATO LA NOSTRA COLLEZIONE RVZ

Ogni collezione è dedicata ad una delle fotografie artistiche di Tiziana Serretta, storica del gioiello e del costume, riconosciuta a livello mondiale come una delle più grandi esperte della storia del gioiello, ed autrice di libri come “Genialità nel gioiello” (Edito Mondadori) o “Gioielli – Miti, simbologie e suggestioni” (Edito Mondadori).
Le fotografie sono state ideate da Tiziana Serretta con l’intento di una trasfigurazione che si applica a qualunque arte che voglia rappresentare il surreale. Nelle fotografie vengono elaborate diverse immagini trasfigurano la realtà o ponendo l’accento su un particolare. Una bellezza trascendente, che una committente religiosa può esaltare o meno in base alle correnti decoratrice o architettoniche più o meno opulenti, dal gotico al barocco.

Le fotografie delle residenze storiche nobiliari siciliane danno vita ad un racconto fiabesco in cui rivive una età passata ma presente vividamente nei gioielli.

1) Tonnara Florio – che si erge dal mare per il miraggio della zarina che spera di guarire
dalla tisi;

2) Villino Florio – inserto dentro il camino bruciato. Della villa incendiata rimane fulgido il
simbolo del cappero;

3) Villa Niscemi – viene ricomposta, nell’ottica di estati felici di Fulco di Verdura. Un’infanzia spensierata tra natura e animali che si concretizza nel porre un cancello onirico;

4) Villa Bordonaro – ricreata nel suo antico fulgore con viali elegantemente adornati da
maioliche di Caltagirone;

5) Villa Lampedusa – una ricostruzione surreale ancora sventrata con affreschi affascinanti sovrapposti scoperti nella restaurazione;

6) Villa Rosa di Bagheria – ricostruita quale Olimpo degli dei;

7) Palazzo Pantelleria – viene ricreata l’alcova shakespeariana in un immaginario giardino
per incontri amorosi segreti;

8) Esplosione di cortili di varie case della Palermo antica miscelati;

9) Villa Tasca – una statua viene posta su una pietra di Ambra fluorescente filosofale;

10) Villa Palagonia – tra bellezze di specchi e bruttezze di statue, frutti di un padrone dalla personalità complessa e affascinante.

ABOUT TIZIANA SERRETTA

Un percorso caratterizzato dai magnifici palazzi in Sicilia, al suo ancestrale appartamento futuristico simile a una grotta a Milano, la squisita diversità del paesaggio keniota a un ufficio levitante su Panama City, il tutto che porta alle radici di un albero del desiderio a New York City.

“Era il destino”, dice Tiziana Serretta: “Un tango raro, un accoppiamento spontaneo tra ciò che sta accadendo e chi sei, nel momento in continua evoluzione”.

Curatrice di musei e gallerie, collezionista d’ arte, moda ed esperienze, Tiziana, come personalità rinascimentale moderna, rivela creazioni di sostanza distintiva, a partire dalla sua esperienza di vita. Il 10 settembre 2015, desiderosa di condividere la sua ricerca di belle arti e moda, lancia il TS World a New York, convocando artisti e invitati selezionati da tutto il mondo per sperimentare una sorprendente interazione creativa di concetto, espressione e stile.

“L’arte e la moda sono uno stile di vita. È parte integrante della vita di tutti i giorni, e certamente non distaccato da noi”, afferma.

GLI INIZI

Nata e cresciuta a Palermo da una famiglia influente, Tiziana divenne ben presto a conoscenza della storia, dell’arte e dell’architettura della città. In tenera età incontrò Fulco di Verdura, un affascinante designer di gioielli e amico di Coco Chanel e di sua nonna, che impressionò Tiziana con il suo spirito libero e non convenzionale.
Le sue radici culturali ed estetiche hanno scatenato la sua passione per i gioielli d’arte, una passione che ha iniziato a realizzare all’età di 20 anni, quando ha iniziato a creare la sua collezione vintage più impressionante, tra cui pezzi di Picasso, Dalí e Cocteau.

INFLUENZE

Tiziana Serreta ha conseguito una laurea in giurisprudenza presso l’Università di Palermo, dove è stata professoressa per otto anni. Cosa possono avere in comune la giurisprudenza con TS World? “Il mio amore per condividere e trasmettere la conoscenza”, dice.

Ricorda vividamente il momento in cui ha deciso di smettere di insegnare e aprire la Tiziana Serretta Fiorentino Gallery nel 1992: “Il mio professore voleva uccidermi, ma essendo molto simile a mia madre, ho dovuto correre il rischio”.
Sua madre, uno spirito intellettuale libero che parla solo greco e latino, è stata un’ispirazione incessante per Serretta, esortandola a seguire sempre il suo cuore ed evolvere la sua mente.

Con il suo carattere carismatico, il suo senso idiosincratico di bellezza e stile e una vasta esperienza nei regni dell’arte, della moda e del design, Tiziana Serretta porta una nuova luce guida nel mondo dell’arte. Ha lavorato come educatrice, curatrice di musei e gallerie, nonché consulente per vari media di moda e arti in Italia. Allo stesso tempo, Serretta ha contribuito allo sviluppo di importanti collezioni di stilisti.

Ha lavorato come direttrice e curatrice della sua galleria a Palermo fino al 2006, promuovendo le relazioni con artisti e designer. Nel 2005 si è trasferita a Londra, dove è stata direttrice e curatrice di una galleria dedicata alla icona della moda Diana Vreeland.
Serretta ha lavorato con case editrici di spicco per i suoi tre libri sul suo argomento preferito: gli innovatori e la cultura vintage.
“Raccogliere è come una febbre; gioielli, oggetti, mobili”, dice.
Armata di una predisposizione per un gusto raffinato mescolato a un’audacia sofisticata, ora possiede una collezione di pezzi unici con uno spirito moderno e senza tempo.
Gioielli d’arte degli anni ’60 e ’70, abiti vintage creati dagli anni ’60 agli anni ’80, borse rare, artigianato e monoliti futuristici sono solo alcuni degli oggetti che considera i suoi “figli”.

ESPERIENZE

Serretta lavora in tutto il mondo, dove prende anche la sua ispirazione. “Non c’è mai una risposta e la risposta cambia sempre”. Ha vissuto in Kenya per 20 anni e ha viaggiato molto in Asia. È conosciuta per molti concetti travolgenti ed è in una sfida costante con se stessa.
“L’unico modo per capire chi sei veramente e sbloccare il tuo pieno potenziale è affrontare quante più sfide possibili”, dice.

L’ultima impresa di Serretta è stata lanciata nel 2013. È un’azienda con sede a Panama, che mira a diffondere la cultura dell’America Latina in tutto il mondo, attraverso eventi unici e partnership con artisti e designer internazionali emergenti, in collaborazione con istituzioni culturali e musei.
“Sono stata invitata al Cine Panama”, dice. “Ho sentito l’energia della città. Cresce ogni giorno come il muschio. “Ho sentito che questo è “”il posto””.
La gente di Panama vive ogni giorno come se fosse il loro ultimo giorno”.

“La città di Panama è lì. Non ti chiede di piacere. Ti piace o no. Allo stesso modo, non faccio nulla perché piaccia alle persone.” Tiziana ama gli artisti latinoamericani. “Sono naturali. Hanno una grande energia. Sono così talentuosi e non fanno nulla per realizzarlo.”
Serretta è innamorata della cultura non contaminata dei Kuna indigeni della Colombia e dell’arcipelago di San Blas a Panama.
Lavora con artisti e artigiani Kuna su diversi progetti, fondendo l’arte locale e la loro conoscenza ancestrale della vita e del cosmo con la raffinatezza europea.

COME HA ISPIRATO LA NOSTRA COLLEZIONE RVZ

Ogni collezione è dedicata ad una delle fotografie artistiche di Tiziana Serretta, storica del gioiello e del costume, riconosciuta a livello mondiale come una delle più grandi esperte della storia del gioiello, ed autrice di libri come “Genialità nel gioiello” (Edito Mondadori) o “Gioielli – Miti, simbologie e suggestioni” (Edito Mondadori).
Le fotografie sono state ideate da Tiziana Serretta con l’intento di una trasfigurazione che si applica a qualunque arte che voglia rappresentare il surreale. Nelle fotografie vengono elaborate diverse immagini trasfigurano la realtà o ponendo l’accento su un particolare. Una bellezza trascendente, che una committente religiosa può esaltare o meno in base alle correnti decoratrice o architettoniche più o meno opulenti, dal gotico al barocco.

Le fotografie delle residenze storiche nobiliari siciliane danno vita ad un racconto fiabesco in cui rivive una età passata ma presente vividamente nei gioielli.

1) Tonnara Florio – che si erge dal mare per il miraggio della zarina che spera di guarire
dalla tisi;

2) Villino Florio – inserto dentro il camino bruciato. Della villa incendiata rimane fulgido il
simbolo del cappero;

3) Villa Niscemi – viene ricomposta, nell’ottica di estati felici di Fulco di Verdura. Un’infanzia spensierata tra natura e animali che si concretizza nel porre un cancello onirico;

4) Villa Bordonaro – ricreata nel suo antico fulgore con viali elegantemente adornati da
maioliche di Caltagirone;

5) Villa Lampedusa – una ricostruzione surreale ancora sventrata con affreschi affascinanti sovrapposti scoperti nella restaurazione;

6) Villa Rosa di Bagheria – ricostruita quale Olimpo degli dei;

7) Palazzo Pantelleria – viene ricreata l’alcova shakespeariana in un immaginario giardino
per incontri amorosi segreti;

8) Esplosione di cortili di varie case della Palermo antica miscelati;

9) Villa Tasca – una statua viene posta su una pietra di Ambra fluorescente filosofale;

10) Villa Palagonia – tra bellezze di specchi e bruttezze di statue, frutti di un padrone dalla personalità complessa e affascinante.

Inizia a digitare e premi Enter per effettuare una ricerca