Chi è Giovanni Gastel? Gastel è un mito, un dei simboli della Milano degli anni ‘70, una città in pieno fermento culturale e sociale.

Gastel nasce come fotografo per la prestigiosa casa d’Aste londinese Christie’s ma solo negli anni ‘80 entra, a pieno titolo, a far parte dell’eclettico mondo della moda attraverso la sua collaborazione con la Bibbia dello stile ed eleganza: Vogue Italia.

Siamo negli anni  ‘90, anni magici per il sistema della moda ed il Made in Italy ed è proprio in quell’universo pieno di indiscussa bellezza e creatività che Gastel diventa autore delle campagne pubblicitarie per le più importanti case di moda italiane e parigine.

Gastel non è semplicemente un fotografo, è un artista.

La sua consacrazione avviene nel 1997, anno in cui la Triennale di Milano gli dedica una personale curata dal critico d’arte Germano Celant. La sua carriera esplode ed il suo nome diventa sinonimo di arte.

Indimenticabili i 200 ritratti di volti del mondo della musica, dell’arte, dello spettacolo e del design. Il metodo Gastel. La sua scomparsa rattrista e rende lo scenario artistico e culturale del nostro paese manchevole di un personaggio di alto spessore umano e professionale.

Ritrattista che catturava l’anima, un poeta dell’immagine, un mito che non cesserà mai di esistere.

Post suggeriti

Inizia a digitare e premi Enter per effettuare una ricerca